I Ghirardi giorno dopo giorno / The Ghirardi day after day


La Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF dei Ghirardi occupa seicento ettari di prati, boschi e torrenti
nell'alta Val Taro, sull'Appennino parmense.

È la casa di innumerevoli specie di animali, piante e funghi; ospita habitat rarissimi e un paesaggio incantevole.

E muta continuamente col passare delle stagioni.


The WWF for Nature Ghirardi Nature Reserve occupies 600 hectares of meadows, woods and streams

in the upper Taro Valley, on the Parma Appennine Mountains of Italy.

It's the home of countless animal, plants and fungi species; it houses very rare habitats and a charming landscape.

And it change continuously as seasons go.

martedì 24 novembre 2015

Con gli alberi attraverso i continenti

Sabato 21 Novembre, per la Giornata Nazionale dell'Albero, il WWF Parma e l'Associazione Emmanueli hanno condotto una visita guidata agli alberi ornamentali dei giardini di Borgotaro, con Guido Sardella (guida GAE e coordinatore della Riserva Naturale dei Ghirardi) e Giacomo Bernardi esperto della storia borgotarese senza bisogno di presentazioni. Dalle specie "autoctone" dell'Appennino come Farnia, Acero montano, Abete bianco, Tasso, a quelle alpine come l'Abete rosso e il Pino nero, si è allargato l'orizzonte passando al Cedro dell'Atlante, dal Nord-Africa, alla Palma della Cina, l'Aucuba del Giappone e l'Acero argentato del Nord-America. Ma ancor più interessante e curioso è stato apprendere della nascita dei Giardini 4 Novembre, realizzati dai prigionieri austriaci della Grande Guerra ad ornamento del "Borgo Nuovo" edificato dagli emigranti di ritorno dall'Inghilterra, o del Viale Bottego nato sul riempimento del fossato che correva intorno alle mura del borgo, e tante altre storie sconosciute ai più.






Nessun commento:

Posta un commento