I Ghirardi giorno dopo giorno / The Ghirardi day after day


La Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF dei Ghirardi occupa seicento ettari di prati, boschi e torrenti
nell'alta Val Taro, sull'Appennino parmense.

È la casa di innumerevoli specie di animali, piante e funghi; ospita habitat rarissimi e un paesaggio incantevole.

E muta continuamente col passare delle stagioni.


The WWF for Nature Ghirardi Nature Reserve occupies 600 hectares of meadows, woods and streams

in the upper Taro Valley, on the Parma Appennine Mountains of Italy.

It's the home of countless animal, plants and fungi species; it houses very rare habitats and a charming landscape.

And it change continuously as seasons go.

giovedì 1 gennaio 2009

Invito alla Giornata delle Oasi WWF

IL 19 APRILE: “GIORNATA OASI 2009” CON UN SMS AL 48544 “PIU’ SIAMO PIU’, NATURA SALVIAMO”

DAL 12 AL 19 APRILE inviando un SMS al 48544 sarà possibile donare 2 euro per le Oasi del WWF, patrimonio di natura costruito grazie a centinaia di migliaia di italiani che in 40 anni hanno sostenuto il WWF.
Perché più siamo, più natura salviamo…..

Le Oasi del WWF sono una fetta d’Italia strappata al degrado commesso dall’uomo, dove la natura può vivere e svilupparsi dando speranza al nostro futuro. Estese per quasi 30.000 ettari sono parte fondamentale del 10% di territorio protetto in Italia. Più di 100 pezzi unici di un grande mosaico ambientale che rappresenta tutti gli ambienti principali della penisola: boschi, lagune e fiumi, spiagge incontaminate, praterie, steppe selvagge e zone montane. Sono autentici tesori sottratti all'aggressione del cemento e all'incuria, difesi dagli incendi e dal bracconaggio, dove una buona parte della biodiversità italiana, tra cui circa 100 specie animali e vegetali, considerate rare o in pericolo nel nostro Paese, hanno uno spazio per continuare a vivere, grazie a centinaia di progetti dedicati alla tutela.

Dove è nata un’oasi del WWF ha vinto la natura, ed è stato posto un argine alla distruzione del territorio. Se non fossero diventate oasi del WWF alcuni tra i luoghi naturalistici più belli d’Italia sarebbero stati distrutti : il lago di Burano in Maremma e la Valle Averto nella laguna di Venezia sarebbero ancora luoghi frequentati per la caccia agli uccelli migratori; nell’Oasi di Siculiana in Sicilia – oggi Riserva regionale di Torre Salsa – senza l’acquisto di un tratto di spiaggia da parte del WWF, sarebbe stato costruito un villaggio turistico, deturpando per sempre uno dei tratti più belli e conservati della costa siciliana; su quella di Monte Arcosu in Sardegna sarebbe continuato il taglio della foresta che oggi è tornata ad essere parte della più importante foresta sempreverde del Mediterraneo e avrebbe corso il rischio di una lottizzazione edilizia; e l’oasi di Macchiagrande vicino Roma avrebbe continuato ad essere un’area saccheggiata, con discariche, pascolo abusivo, attività di caccia e pesca.
Per sostenere questo grande progetto nazionale di tutela del nostro patrimonio naturale, quest’anno il WWF chiede l’aiuto di tutti: dal 12 al 19 aprile sulle Reti Rai e Radio Rai , con il patrocinio del Segretariato Sociale Rai, darà vita a una settimana di sensibilizzazione e di raccolta fondi. Sarà possibile dare il proprio contributo alla campagna, mandando un sms del valore di 2 euro al numero 48544 dal proprio cellulare personale Tim, Vodafone, 3 e Wind, o chiamando da telefono fisso Telecom.

I fondi raccolti saranno destinati a sostenere importanti progetti di tutela della natura italiana e a rendere le Oasi un patrimonio sempre più fruibile da tutti gli italiani che amano la natura o la ameranno dopo averla conosciuta. Per esempio, il supporto al Centro Recupero Animali Selvatici (CRAS) di Valpredina , dove ogni anno vengono curati più di 1100 animali, vittime del bracconaggio ; il rinnovamento del bosco di Astroni, la bellissima oasi vulcanica di Napoli, dove molti alberi anche secolari sono a rischio; l’aumento della sorveglianza contro il bracconaggio nell’area, perché mette a rischio una delle principali popolazioni di cervo sardo, un mammifero esclusivo di Sardegna e Corsica; nell’Oasi umbra di Alviano la ricostruzione dei sentieri, anche per disabili, distrutti dalla recente alluvione del Tevere; la costruzione di un sistema di allagamento delle depressioni naturali all’interno dell’Oasi Bosco Pantano di Policoro (Basilicata) per garantire la sopravvivenza di uno degli ultimi esemplari di bosco allagato che ancora sopravvive nel nostro paese.

Aiutaci a sostenere questo patrimonio naturale che è di tutti noi.

E il 19 aprile vieni in una delle tante oasi aperte gratuitamente al pubblico: dalle montagne delle Alpi ai laghi costieri della Toscana, dai boschi degli Appennini alle coste selvagge della Sicilia sarà l’occasione per grandi e piccoli per scoprire paradisi di biodiversità dove vivono fenicotteri, lontre, caprioli, lupi, anatre selvatiche e partecipare alle tante sorprese, ai giochi, agli spettacoli, alle visite guidate, ai pic nic sui prati, ai mercatini che verranno organizzati per l’evento.

Per partecipare , informazioni su : www.wwf.it e ricordati, PIU’ SIAMO, PIU’ NATURA SALVIAMO

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PROGRAMMA OASI WWF dei GHIRARDI

Giornata delle Oasi WWF 19 Aprile 2009

Ore 9.30
IL BUONO, L’UTILE E IL BELLO
Escursione fra boschi, campi, prati e incolti per scoprire e riconoscere, negli ambienti e nella ricchezza di biodiversità dell’Oasi dei Ghirardi, le piante officinali, d’uso alimentare e di importanza naturalistica.
con Luigi Ghillani (Erborista, co-fondatore Ceres)
in collaborazione con Ceres

Ore 13.00
Assaggi di cibi preparati con piante officinali ed eduli

Ore 15.00
Laboratorio ludonaturalistico per bambini
Presentazione della Associazione C'eralacqua e delle idee per la futura gestione dell'Oasi

Ore 16.30
SUL FAR DELLA SERA
Escursione aspettando il tramonto sulle tracce degli animali dell'Oasi
con Guido Sardella (Guida ambientale-escursionistica)

INFORMAZIONI: oasighirardi@wwf.it


2 commenti:

  1. Hmmm for some reason only half the post can be seen. I tried reloading but still same.

    aroma therapy

    RispondiElimina
  2. I don't know why (I see it perfectly) but being an advertising for an event of two years ago, I guess we can leave it as is.

    RispondiElimina