I Ghirardi giorno dopo giorno / The Ghirardi day after day

La Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF dei Ghirardi occupa seicento ettari di prati, boschi e torrenti
nell'alta Val Taro, sull'Appennino parmense.
È la casa di innumerevoli specie di animali, piante e funghi; ospita habitat rarissimi e un paesaggio incantevole.
E muta continuamente col passare delle stagioni.

Gli eventi della Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF dei Ghirardi

Nel calendario qui sotto trovate tutti gli eventi in programma nel territorio della Riserva aperti al pubblico, sia quelli organizzati dal WWF Parma o dai parchi del Ducato, sia quelli organizzati da terzi che ci sono stati comunicati.

Potete cliccare su ogni evento per leggerne il programma. La maggior parte degli eventi sono su prenotazione, in caso di annullamento per maltempo o altre cause, i partecipanti verranno prontamente avvisati. Per gli eventi a libera partecipazione, si consiglia di controllare questa pagina prima dello svolgimento, per eventuali comunicazioni dell'ultimo minuto.





lunedì 31 maggio 2021

Attenzione. Condizione dei sentieri.

I sentieri dei Ghirardi sono molto eterogenei come tipologia di percorso, alternando sullo stesso tracciato piste forestali, carrareccia e tracce pedonali appositamente realizzate. Per quanto si cerchi di tenere la percorribilità in ordine, l'esuberanza della vegetazione, gli schianti degli alberi dovuti a eventi meteorici sempre più improvvisi e impetuosi, l'utilizzo da parte degli animali selvatici rende in certi casi poco evidente il tracciato, oppure lo si trova sbarrato da un albero caduto. 

Vi chiediamo perciò di porre particolare attenzione ai segni colorati su alberi e pietre. Sono quelli ad indicarvi il percorso da tenere. Non seguite il percorso più largo o più piano, ma quello indicato dai segni colorati. 

Il suolo dell'area è in buona parte argilloso e in caso di pioggia e umidità diventa piuttosto scivoloso: evitate di aventurarcvi sui sentieri con scarpe dalle suole lisce o poco scolpite. Questo vale anche per scarpe da trekking vecchie dalla suola consumata.

L'area è, come tutto l'Appennino, abitata dalle zecche, che possono trasmettere la malattia di Lyme: è INDISPENSABILE avere scarpe chiuse, calzettoni e preferibilmente pantaloni lunghi.

Dopo la stagione 2020-2021, complice l'inverno nevoso e i lunghi periodi di limitata circolazione, alcuni percorsi sono più ostacolati del normale. Abbiamo liberato già da tempo il percorso viola e il percorso arancione e stiamo lavorando perché tutti i sentieri siano facilmente percorribili.

 Portate pazienza e se volete darci una mano, siamo sempre in cerca di volontari!

Info 3497736093.



Nessun commento:

Posta un commento